La proposta di un Libro Bianco sul Corvetto

UCTAT Newsletter n.45 – maggio 2022

di Giovanni Castaldo

Il 16 maggio 2022 il Circolo Corvetto del Partito Democratico ha promosso presso l’ARCI di via Oglio un incontro pubblico per presentare l’iniziativa di un Libro Bianco avente per tema il progetto della rigenerazione del quartiere Corvetto, nell’ottica di “proposte condivise e partecipate per dare nuova vita a uno dei quartieri popolati della città”. In quella occasione è stato illustrato un articolato documento avente come obiettivo il pervenire a un “nuovo patto di collaborazione tra istituzioni, cittadini, il mondo delle associazioni e le imprese del quartiere”. Il rapporto è stato redatto da S. Gugliotta, L. Negri, M. G. Milone, P. Tirelli e S. Zaino e presenta una “analisi delle criticità” riferita ai principali luoghi del quartiere da cui conseguono le relative “proposte di azione”. Nel complesso il documento evidenzia una approfondita conoscenza delle situazioni sociali, delle criticità e delle problematiche ambientali, in una prospettiva di raccogliere anche nuovi contributi e altre proposte. L’incontro del 16 maggio ha visto anche la presenza dell’Europarlamentare Piefrancesco Majorino che ha concluso i lavori riassumendo i diversi interventi dei partecipanti.

Il numero di cittadini all’incontro non particolarmente elevato, come per altre iniziative all’interno del quartiere, evidenzia una criticità rispetto ad una più ampia partecipazione della popolazione indispensabile per un cambiamento della politica amministrativa. Una criticità da tempo segnalata dall’associazione culturale Urban Curator TAT anche attraverso la sua newsletter. In particolare Urban Curator TAT ha avanzato critiche sulla mancanza di una adeguata informazione e dibattito sulle diverse iniziative di grande valenza urbanistica che stanno interessando Milano e in particolare la zona sud-est. In questo senso l’iniziativa promossa dal Circolo Corvetto va positivamente segnalata come stimolo al dibattito e al confronto.

Tra le diverse criticità evidenziate dal documento presentato spicca il problema del cavalcavia Corvetto, dell’annosa questione del suo più volte annunciato abbattimento. Un tema riconosciuto da tutti gli interventi come cruciale e fortemente identitario per la rigenerazione del Corvetto: un esempio eclatante di ripetuti annunci senza una tempistica e una fattibilità, che evidenzia i limiti dell’azione amministrativa nel rispondere ai bisogni della popolazione. Questa esigenza è stata ulteriormente ribadita, anche in chiusura dei lavori, quale obiettivo prioritario del quartiere. Con riferimento a questo specifico aspetto, UCTAT già nel 2017 ha formulato un progetto di complessivo riassetto viabilistico del quadrante sud-est, con la riqualificazione dell’asse Rogoredo-Porta Romana, presentato al Municipio 4 e ripreso diverse volte dalla stampa.

Ipotesi di demolizione del Cavalcavia Corvetto e sistemazione asse Rogoredo-Porta Romana, UCTAT, 2017.
Torna all’Indice della Newsletter